StaffSilvana Castelli de Sannazzaro


Informazioni



E-mail
castelli@ibba.cnr.it

Telefono
+39 0223699420

Sede
Milano

Aree di attività
BIOTEC, BIOCEL


Castelli de Sannazzaro Silviana

Ricercatore

Formazione

1979: Laurea in Scienze Agrarie, Università di Milano

Esperienze professionali

1987-Oggi: Ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche, Istituto di Biologia e Biotecnologie Agrarie (IBBA), sede di Milano. Dal 1987 al 2008 i principali ricerca sono stati: i meccanismi che regolano l’imprinting genomico negli endospermi di mais in particolare la metilazione; il trasporto intracellulare di proteine e la fisiologia della pianta di specie sempreverdi mediterranee in risposta a diversi fattori di stress ambientale. Dal 2008 a oggi l’attività di ricerca si è concentrata su: i bioprodotti ottenuti da biomasse di scarto; la divulgazione  scientifica; l’ attività di formazione nel campo della bioeconomia.

2013-2020 Responsabile di progetti e attività di ricerca su bioenergia e bioprodotti. Cotitolare di un Brevetto per Invenzione Industriale in Italia.

2010: Membro dell’Accademia dei Georgofili in Firenze

2008-Oggi: Ideatrice ed organizzatrice del Master “Bioeconomia dei Rifiuti Organici e delle Biomasse”. Un corso di undici mesi per studenti post laurea, attualmente giunto all’undicesima edizione.

1984: Ricercatore presso il CNR di Firenze

Interessi scientifici

  • Valorizzazione e riciclo delle biomasse di scarto in bioprodotti.
  • Ambiente sostenibile.

Progetti attivi

Progetti conclusi

FilAgro – Strategie innovative e sostenibili per la filiera agroalimentare
Inizio: 05/08/2013   Fine: 31/10/2015

Regione Lombardia

Milano, Lodi
Diego Breviario

Durata Progetto:
05/08/2013 - 31/10/2015
Ente finanziatore:
Regione Lombardia
Responsabili di progetto:
Diego Breviario
Sedi:
Milano, Lodi

FilAgro – Strategie innovative e sostenibili per la filiera agroalimentare


Il progetto FilAgro intende dare risposte concrete alle esigenze emergenti nel settore dell’agricoltura, legate alla sostenibilità delle produzioni; alla salvaguardia dell’ambiente e della biodiversità; al miglioramento della qualità delle produzioni alimentari in termini di salubrità, sicurezza e caratteristiche nutrizionali; allo sviluppo tecnologico e al trasferimento dei risultati al settore produttivo; alla diffusione delle nuove conoscenze; tutti argomenti ritenuti prioritari nei programmi di EXPO 2015, di Horizon 2020 e negli obiettivi del programma triennale 2013-2015 della DG Agricoltura della Regione Lombardia.

Duck-Tech - Sviluppo di una filiera integrata e sostenibile per la produzione di bioprodotti: valorizzazione di reflui da digestori alimentati a Forsu
Inizio: 02/05/2015   Fine: 30/04/2018

Fondazione Cariplo

Milano, Lodi   Sito web

Bianca Castiglioni, Silviana Castelli de Sannazzaro

Durata Progetto:
02/05/2015 - 30/04/2018
Ente finanziatore:
Fondazione Cariplo
Responsabili di progetto:
Bianca Castiglioni, Silviana Castelli de Sannazzaro
Sedi:
Milano, Lodi
Sito web del Progetto:
Sito web

Duck-Tech - Sviluppo di una filiera integrata e sostenibile per la produzione di bioprodotti: valorizzazione di reflui da digestori alimentati a Forsu


Scopo del progetto è lo sviluppo di un sistema biologico integrato per depurare le acque reflue generate da un impianto di digestione anaerobica della frazione organica dei rifiuti solidi Urbani (FORSU), basata sulla capacità della Lemna (o “lenticchia d’acqua”) di tollerare elevate concentrazioni contenuti di azoto e fosforo. Il progetto si propone di sviluppare un sistema sostenibile completamente naturale in grado di ottenere i seguenti obbiettivi:

– un sistema di trattamento biologico delle acque reflue;

– la trasformazione di alcuni inquinanti in materie prime (amido e acidi grassi) impiegabili nelle industrie alimentari e biochimiche, sostituendo prodotti ottenuti dall’agricoltura.

Inoltre il progetto fornirà un contributo alla comprensione del microbioma degradativo presente nella rizosfera delle piante acquatiche impiegate nel sistema, individuando i suoi effetti sulla purificazione del rifiuto solido urbano e, più in generale, sulla qualità microbiologica delle acque.

Istituto

Cerca nel sito