StaffRoméo Arago Dougué Kentsop


Informazioni



E-mail
dougue@ibba.cnr.it

Telefono
+39 0223699426

Sede
Milano


Research Gate: Profile
Linkedin: Roméo Arago Dougué Kentsop

Dougué Kentsop Roméo Arago

Assegnista

Formazione

2016 – 2019: Dottorato in Scienze Farmaceutiche alimentari e cosmetologiche presso l’Università degli Studi di Genova. Titolo: Biotecnologia applicata alle piante aromatiche per la produzione controllata dei composti bioattivi.

2012 – 2015: Laurea Magistrale in Farmacia e Farmacia Industriale (LM13) presso l’Università degli Studi di Urbino Carlo Bo. Titolo della tesi: L’utilizzo di prodotti di origine vegetali in ambito galenico.

2009 – 2012: Laurea in Scienze Biomediche presso il Dipartimento di Scienze Biomediche dell’Università di Dschang.

Esperienze professionali

2019-Oggi: Assegnista di ricerca presso IBBA- CNR. Progetto INFLAME.

2017–2019: Assistenza alla didattica nel corso di tecnologia socioeconomia e legislazione farmaceutiche I presso il Dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Genova.

2017–2018: Assistenza alla didattica nel corso di analisi dei farmaci presso il Dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Genova.

Interessi scientifici

  • Coltura in vitro di tessuti, cellule e piante medicinali
  • Analisi qualitativa e quantitativa dei metaboliti secondari, vie di biosintesi, attività biologiche

Progetti attivi

InFlaMe - Improvement of secondary metabolites production for human health by flax cell in vitro technology
Inizio: 01/09/2017   Fine: 30/06/2021

Fondazione Cariplo

Milano   Sito web

Monica Mattana

Durata Progetto:
01/09/2017 - 30/06/2021
Ente finanziatore:
Fondazione Cariplo
Responsabili di progetto:
Monica Mattana
Sedi:
Milano
Sito web del Progetto:
Sito web

InFlaMe - Improvement of secondary metabolites production for human health by flax cell in vitro technology


L’obiettivo del progetto InFlaMe è di ottimizzare la produzione di alcune molecole (metaboliti secondari) di interesse farmacologico/nutraceutico, i lignani, normalmente prodotti a bassa concentrazione dalle piante di lino come molecole protettive contro erbivori e  microorganismi.

La tecnologia utilizzata a tal fine prevede l’impiego di colture di diversi tessuti cellulari ottenuti da differenti specie di lino che producono tre principali classi di lignani. Tali colture verranno opportunamente indotte ad una maggior produzione attraverso approcci biotecnologici basati sull’utilizzo di specifici elicitori e mediante tecniche di ingegneria metabolica.

In prospettiva, questa tecnologia permetterà di raggiungere una produzione su larga scala di molecole ad alto valore aggiunto che ad oggi è limitata all’estrazione diretta ed in piccole quantità dalle specie vegetali produttrici.

 

Progetti conclusi

Istituto

Cerca nel sito