StaffLuisa Pozzo


Informazioni



E-mail
pozzo@ibba.cnr.it

Telefono
+39 0503152702

Sede
Pisa

Aree di attività
QUALY


ORCID: 0000-0001-7530-7814
Google Scholar: Profile
Research Gate: Luisa Pozzo
Scopus Author ID: 8302111100
WoS Researcher ID: Q-5489-2018
Linkedin: Luisa Pozzo

Pozzo Luisa

Ricercatore

Formazione

2013: Master di 2° livello “Scienze degli alimenti: qualità, sicurezza e alimentazione umana”, Università di Pisa

2008-2011: Dottorato in Produzioni Animali, Dipartimento di Produzioni Animali, Epidemiologia ed Ecologia, Facoltà di Medicina Veterinaria, Università di Torino

2000-2007: Laurea specialistica in Medicina Veterinaria  Facoltà di Medicina Veterinaria, Università di Torino

Esperienze professionali

2019-Oggi: Ricercatore a tempo indeterminato presso l’Istituto di Biologia e Biotecnologia del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), sede di Pisa

2019-Oggi: Section Editor per il Polish Journal of Food and Nutrition Sciences

2018: Host Reseracher presso Instituto de Agroquímica y Tecnología de Alimentos IATA CSIC, Valencia, Spagna

2015: Short Term Mobility presso l’Istituto di riproduzione animale e ricerca alimentare, Accademia polacca delle scienze, Olsztyn, Polonia

2015-2019: Ricerca a tempo determinato presso l’Istituto di Biologia e Biotecnologie del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), sede di Pisa

2013-2015: Ricerca a tempo determinato presso l’Istituto di Scienze della Produzione Alimentare del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), Torino

2011-2013: Ricerca a tempo determinato presso l’Istituto di Biologia e Biotecnologie del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), sede di Pisa

2008-2011: Borsa di Studio presso il Dipartimento di Produzioni Animali, Epidemiologia ed Ecologia, Facoltà di Medicina Veterinaria, Università di Torino

2010: Stage di Dottorato presso l’Unità di Micotossicologia, École Nationale Vétérinaire de Toulouse, Francia

Interessi scientifici

  • Studi nutrizionali relativi a componenti principali e secondari degli alimenti.
  • Valutazione di nutraceutici antiossidanti e ipolipemizzanti e della loro interazione con il drug metabolism mediante test in vivo (topo e ratto).
  • Utilizzo di nutraceutici in alimentazione animale: valutazione della risposta antiossidante e degli effetti sui prodotti di derivazione.
  • Studio di nutraceutici antimicrobici e prebiotici mediante test in vitro.

Progetti attivi

sPATIALS3 - Miglioramento delle produzioni agroalimentari e tecnologie innovative per un’alimentazione più sana, sicura e sostenibile
Inizio: 01/02/2020   Fine: 31/07/2022

Regione Lombardia

Milano, Lodi   Sito web

Francesca Sparvoli

Durata Progetto:
01/02/2020 - 31/07/2022
Ente finanziatore:
Regione Lombardia
Responsabili di progetto:
Francesca Sparvoli
Sedi:
Milano, Lodi
Sito web del Progetto:
Sito web

sPATIALS3 - Miglioramento delle produzioni agroalimentari e tecnologie innovative per un’alimentazione più sana, sicura e sostenibile


Il progetto si configura come un HUB tecnologico e di ricerca che coinvolge 12 istituti CNR, appartenenti a 4 diversi Dipartimenti, e 4 aziende, i cui obiettivi sono: ottenere prodotti migliorati per le proprietà nutrizionali e funzionali; fornire e implementare tecnologie di precisione per garantire la sicurezza, la tracciabilità e la qualità dei prodotti; sviluppare smart– e active-packaging ecosostenibili e innovativi per minimizzare e recuperare, ove possibile, gli sprechi e aumentare la conservabilità degli alimenti; fornire al consumatore e alle aziende strumenti per la fruibilità dei risultati.

AGRENO
Inizio: 20/12/2019   Fine: 19/08/2022

Regione Toscana

Pisa
Luisa Pozzo

Durata Progetto:
20/12/2019 - 19/08/2022
Ente finanziatore:
Regione Toscana
Responsabili di progetto:
Luisa Pozzo
Sedi:
Pisa

AGRENO


Il progetto si pone all’interno del PSR 2014/2020 della Regione Toscana e si propone come obiettivo generale di sviluppare, validare e valorizzare una nuova generazione di prodotti ed estratti agroalimentari, a partire da quelli già inseriti da ARSIA nel Registro dei “Prodotti tradizionali della Regione Toscana”, contestualizzandoli alle esigenze specifiche del territorio dell’Amiata. Nello specifico, il progetto si concentra sull’Agresto, condimento antico ottenuto dalla cottura di uve acerbe con spezie e aromi, che allo stato attuale presenta una produzione estremamente ristretta sia in termini di varietà̀ che di quantità̀, impedendone uno sviluppo sostenibile. L’obbiettivo è quello di superare gli ostacoli ad una produzione e commercializzazione più ampia grazie alla definizione e codifica di ricette per la produzione di Agresto con rilevanti caratteristiche organolettiche, nutraceutiche e salutistiche per ampliare i segmenti di mercato di riferimento; alla contestualizzazione del prodotto Agresto nel territorio dell’Amiata, tramite la selezione e l’utilizzo di vitigni ed erbe officinali locali; all’industrializzazione e la standardizzazione dell’intero processo produttivo, dalla raccolta delle uve alla realizzazione del prodotto, volto al controllo di qualità, alla ripetibilità delle caratteristiche del prodotto finito e all’incremento della produttività; alla valorizzazione economica dei residui di produzione, così come lo sviluppo di nuove applicazioni del prodotto finito, a fini cosmetici.

BILATERALE EGITTO - Preparation and utilization of Nano-Propolis Active Compounds, their Biological function and application
Inizio: 05/06/2019   Fine: 04/06/2021

CNR

Pisa
Luisa Pozzo

Durata Progetto:
05/06/2019 - 04/06/2021
Ente finanziatore:
CNR
Responsabili di progetto:
Luisa Pozzo
Sedi:
Pisa

BILATERALE EGITTO - Preparation and utilization of Nano-Propolis Active Compounds, their Biological function and application


Il progetto fa parte di un accordo bilaterale CNR/ASRT e mira a scoprire le componenti bioattive del propoli egiziana, estrarle, studiare le loro proprietà chimiche e trasferirle in microcapsule che potrebbero essere integrate in alcuni alimenti funzionali per migliorarne la qualità e la shelf life. Durante il progetto verrà effettuata una caratterizzazione delle principali molecole bioattive e verranno valutate le proprietà antiossidanti e antibatteriche dei campioni di propoli egiziana tal quale, degli estratti ottenuti mediante diverse tecniche di estrazione (acqua, solventi e CO2 a diverse temperature) e delle microcapsule prodotte a partire dagli estratti. Il progetto offre l’opportunità di produrre nuovi materiali funzionali utilizzando sottoprodotti di piante alimentari. La microincapsulazione di nano composti bioattivi, che si possono introdurre in alimenti, porta al potenziale sviluppo futuro di nuovi alimenti funzionali.

Progetti conclusi

ALLERGOLINE - Alimenti e cosmesi funzionale: caratterizzazione di composti bioattivi e loro effetto sul genoma e sul metabolismo
Inizio: 08/11/2018   Fine: 07/11/2020

Allergoline Biotech & Research Srl

Pisa
Luisa Pozzo, Clara Maria Della Croce

Durata Progetto:
08/11/2018 - 07/11/2020
Ente finanziatore:
Allergoline Biotech & Research Srl
Responsabili di progetto:
Luisa Pozzo, Clara Maria Della Croce
Sedi:
Pisa

ALLERGOLINE - Alimenti e cosmesi funzionale: caratterizzazione di composti bioattivi e loro effetto sul genoma e sul metabolismo


L’importanza dei composti bioattivi e soprattutto degli antiossidanti contenuti negli alimenti è da associare sia alla capacitàdi preservare la shelf-life degli alimenti, ritardando l’ossidazione degli acidi grassi polinsaturi, sia di esplicare effetti benefici contro le malattie cronico-degenerative indotte dallo stress ossidativo e dall’invecchiamento. Le molecole bioattive presenti negli estratti sia alimentari che di piante possono inoltre avere un ruolo molto importante nella cosmesi. Le mix di antiossidanti sono frequentemente utilizzate nelle creme anti-age e anche in quelle doposole allo scopodi aumentare la capacità della pelle di autodifendersi. Il progetto si pone come obbiettivo l’individuazione e caratterizzazione di estratti alimentari e/o di piante e la loro valutazione biologica. I prodotti verranno analizzati per il loro potere antiossidante totale, attraverso il metodo ORAC (Oxygen Radical Absorbance Capacity), e per la quantificazione di alcuni composti (vitamine, polifenoli, flavonoidi e flavonoli). Inoltre, sui prodotti che mostreranno i migliori risultati, verrà valutato l’effetto protettivo nella prevenzione di malattie metaboliche su un modello murino con dismetabolismo (steatosi epatica, iperglicemia ed iperlipidemia) indotto mediante la somministrazione di una dieta ad alto contenuto lipidico.

BIO VAL BIDENTE - Valutazione della capacità antiossidante totale e dell’attività antibatterica di alcuni estratti di grano
Inizio: 16/04/2019   Fine: 15/04/2020

Bio Val Bidente Società Cooperativa Agricola

Pisa
Luisa Pozzo

Durata Progetto:
16/04/2019 - 15/04/2020
Ente finanziatore:
Bio Val Bidente Società Cooperativa Agricola
Responsabili di progetto:
Luisa Pozzo
Sedi:
Pisa

BIO VAL BIDENTE - Valutazione della capacità antiossidante totale e dell’attività antibatterica di alcuni estratti di grano


Lo scopo di questo studio è quello di studiare il profilo dei composti fenolici, la capacità antiossidante, l’attività antimicrobica e l’effetto sulla crescita di Lactobacillus brevis di 8 farine intere ottenute da 8 varietà antiche e moderne di grano, appartenenti a diverse specie di Triticum (Triticum monococcum L ssp. monococcum, Triticum turgidum L. ssp dicoccum, Triticum turgidum ssp. turanicum, Triticum aestivum L.). Il profilo fenolico viene studiato attraverso HPLC-DAD-UV/Vis-FD, la capacità antiossidante misurata mediante il saggio DPPH e ORAC, l’attività antiossidante e l’effetto sulla crescita di L. brevis sono misurati con il metodo di micro-diluizione.

Sono stati identificati e quantificati cinque polifenoli (resorcinolo, tirosolo, ac. caffeico, ac. siringico e ac. ferulico) e tutti i campioni hanno mostrato un’importante capacità antiossidante ed una moderata attività antimicrobica. Tutti i campioni hanno rilevato un effetto stimolante sulla crescita di L. brevis. L’analisi delle componenti principali (PCA) ha mostrato una maggiore correlazione positiva tra i grani antichi e il contenuto totale di polifenoli, la capacità antiossidante e l’attività antimicrobica, rispetto ai grani moderni. Questi risultati hanno confermato che i cereali integrali possono essere considerati alimenti con effetti benefici per la salute.

Istituto

Cerca nel sito